Background

Sulle strade dei vini

portfolio image
portfolio image
portfolio image
portfolio image
portfolio image
portfolio image

Regia di Paolo Casalis
1 x 60'
(Ita, Eng Subs)

Realizzato per

Centro Audiovisivi Bolzano


Con il supporto di
Associazione Strada del Vino, Cantine Valle Isarco, Hotel Post Brunico, DUVINE, Hotel Terzer Cortaccia











Immagini aeree gentilmente concesse da



SINOSSI
La vacanza di un gruppo di amici lungo le strade ciclabili dell’Alto Adige diventa occasione per raccontare e promuovere un territorio ed i suoi protagonisti. Il documentario segue il viaggio di Marco, che nella stagione estiva lavora in Alto Adige come guida cicloturistica, e dei suoi amici Lidia e Carmelo, giovane coppia di fidanzati, e Adrian.
Il loro è un viaggio fatto di chilometri in bicicletta, ma i quattro documentari vanno al di là dell’aspetto sportivo, raccontando le visite e in cantina e gli incontri con i produttori di vino, le loro storie, ma anche lle visite alle bellezze artistiche e al patrimonio culturale dell’Alto Adige.
La visita all’abbazia di Novacella, agli incantevoli centri storici di Merano e Bolzano o al forte austro-ungarico di Fortezza sono solo alcune tappe di un viaggio nella storia e dell’arte altoatesina fatto di visite e incontri, talvolta istituzionali, altre casuali, con altri viaggiatori e con la popolazione
locale, di sapori, storie ed emozioni.
Cosa sono i masi, i garni, le stube? All’interno del gruppo, Marco, nel suo ruolo di “guida”, fornirà (in modo sempre naturale e non didascalico) queste informazioni ai compagni di viaggio, oltre a dettare i tempi e a dare istruzioni e consigli pratici per visitare l’Alto Adige in bicicletta.
I suoi tre amici, meno esperti di cicloturismo e del percorso di viaggio, rappresentano invece il “turista in bicicletta”, lo stesso pubblico cui si rivolgono i video.
”Sulle strade dei Vini” percorre le principali arterie ciclabili che attraversano l’Alto Adige:
- La ciclabile Bassa Atesina: Salorno sulla strada del vino – Ora – Bolzano
- La ciclabile della Val d’Adige e Venosta: Bolzano – Merano – Passo Resia
- La ciclabile Valla Isarco: da Bolzano a Bressanone
- La ciclabile Alta Valle Isarco: Bressanone – Brennero
A ciascuna ciclabile corrisponde una giornata del viaggio.
La partenza avviene, per motivi geografici ma soprattutto simbolici, da Salorno, comune che nel 2020 ha cambiato nome in “Salorno sulla Strada del Vino”, introducendo così il concetto e il significato storico e culturale di Weinstraße.
All’interno del documentario, il viaggio in bicicletta costituisce il filo rosso del film, andando a legare tra loro le diverse valli dell'Alto Adige, così come i diversi elementi del film, e aggiungendo al racconto del territorio, che altrimenti rischierebbe id essere didascalico, spunti narrativi e motivi di attenzione.


Next Project

Io resto a casa